Esiti conferenza stampa su Settimana della Donazione del Sangue dei Volontari in Servizio Civile Nazionale (17-12-2014)

Sono oltre 300.000 i giovani di Servizio Civile Nazionale, di cui oltre 15.000 attualmente in servizio tra i 18 ed i 28 anni, che nella settimana dal 15 al 21 dicembre sono stati “chiamati a raccolta per essere donatori di sangue, con l’auspicio che il loro gesto non rimanga isolato, ma diventi un’abitudine. 

L’iniziativa, che mira ad incoraggiare, soprattutto nei giovani che prestano servizio, la donazione del sangue, è stata presentata nel corso della conferenza stampa tenuta ieri mattina a Palazzo Chigi. 

Presenti l’on.le Luigi Bobba, sottosegretario al Ministero del lavoro e delle politiche sociali con delega alle politiche giovanili e al servizio civile nazionale, il cons. Calogero Mauceri, capo del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, il dott. Giuliano Grazzini, direttore del Centro Nazionale Sangue, dott. Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS e coordinatore pro tempore CIVIS, la dott.ssa Rina Latu, vice-presidente AVIS Nazionale,la dott.ssa Maria Teresa Letta, presidente nazionale donatori sangue Croce Rossa, il dott. Giuseppe Festa, consigliere nazionale Fratres. 

“La donazione è un gesto che si compie anonimamente senza alcuna finalità di vantaggio - ha sottolineato il sottosegretario Bobba - è un gesto totalmente gratuito. E’ un piccolo segno da parte di ognuno, ma tanti piccoli segni messi insieme contribuiscono a creare uno straordinario patrimonio collettivo da mettere a disposizione per le crescenti necessità del nostro sistema sanitario, anche attraverso queste organizzazioni oggi presenti, che gestiscono tale rete così capillare in modo impeccabilmente professionale”. 

Il Centro Nazionale Sangue e le Associazioni coinvolte hanno fornito un quadro molto preciso e circostanziato della situazione attuale e le prospettive dell’evoluzione futura in tema di donazione del sangue e dell’aferesi (donazione dei singoli componenti del sangue, quali plasma o piastrine). 

“L’Italia oggi può vantare circa 1 milione e 800 mila donatori di sangue – ha dichiarato il dott. Giuliano Grazzini, Direttore del Centro Nazionale Sangue – e di questi circa il 70% sono uomini.”

Occorre dunque impegnarsi per aumentare il contributo della popolazione femminile, che nella media europea è pari a circa il 39%. Un dato molto positivo, che pone l'Italia ai primi posti in Europa, è quello relativo ai donatori periodici: sono oltre l'83%. Si tratta di un elemento molto importante, sia dal punto di vista organizzativo-strategico, perché rappresenta una base costante di donatori, sia dal punto di vista clinico, della salute e della sicurezza della donazione. Il 48% dei periodici hanno inoltre donato almeno una volta l’anno negli ultimi 5 anni. 

Secondo le più recenti stime, nel 2014 le donazioni di sangue ed emocomponenti hanno superato quota 3.150.000, permettendo così di effettuare ogni giorno circa 8.500 eventi trasfusionali e di garantire l’autosufficienza a livello nazionale, sebbene persistano differenze tra regioni eccedenti e regioni deficitarie. Pertanto, non bisogna abbassare la guarda ed è quindi importante sensibilizzare soprattutto i giovani in un Paese come l’Italia dove la popolazione è destinata a invecchiare gradualmente.

I donatori fra i 18 e 29 anni rappresentano solo il 18%, mentre la percentuale più alta, il 35%, è costituita da cittadini fra i 45 e 55 anni. 

Occorre dunque un’azione sistematica e regolare per poter mantenere i livelli di donazione attuali e un impegno di tutte le componenti del sistema, istituzioni, associazioni, professionisti e volontariato. 

A tale proposito, i rappresentanti delle associazioni coinvolte hanno sottolineato il costante impegno nella sensibilizzazione delle nuove generazioni e nella promozione non solo della donazione di sangue periodica, volontaria, anonima, periodica e associata, ma di una più ampia cittadinanza attiva, attenta alle necessità e ai bisogni della collettività. In questa ottica, i rappresentanti di AVIS, C.R.I., FIDAS e FRATRES hanno sottolineato come il coinvolgimento di tutti i giovani volontari in servizio civile nazionale sia un’importante e strategica iniziativa.

Info: Servizio Comunicazione DGSCN | E-mail stampa@serviziocivile.it | Tel. 06.67792620 - 06.67794228

Data ultimo aggiornamento: 19/12/2014



Allegati:

- CS20141217_postEvento
- CS20141212_donazione
  • Nohatespeech
  • PON Sicurezza
  • PAC
  • POAT GIOVENTU
SERVIZI ONLINE
Twitter FACEBOOK YOUTUBE INSTAGRAM FLICKR
tappo banner Scelgo il Servizio civile
chiusura colonna
Sito ottimizzato per Internet Explorer 9