La Caritas chiama a raccolta i suoi obiettori di coscienza (27-12-2007) (27/12/2007)

SERVIZIO CIVILE. Sabato 12 gennaio incontro a Settimo di Pescantina

La Caritas chiama a raccolta i suoi obiettori di coscienza

Al Cpg testimonianze a confronto fra i giovani attivi in cooperative e centri educativi.
Chiamata a raccolta per gli obiettori di coscienza che hanno svolto il servizio civile nella Caritas diocesana. Un'esperienza che ha accomunato centinaia di giovani, veronesi e non, rappresentando per molti di loro, una svolta decisiva per la propria vita, dando un nuovo e diverso impulso alle loro scelte, perfino in ambito lavorativo.

La scelta del Servizio civile, negli anni in cui era ancora vigente la leva obbligatoria, si caricava di una valenza ben precisa, di una scelta di campo tale che un obiettore di coscienza non può mai definirsi un «ex», anche oggi che il suo servizio è concluso da tempo. Questo lo spirito con cui, sabato 12 gennaio, la Caritas chiama a convegno, nella sede del Centro diocesano di pastorale giovanile (Cpg), a Settimo di Pescantina, tutti i suoi obiettori di coscienza, che hanno prestato servizio nella sede di lungadige Matteotti, al Cpg o nelle strutture Caritas come cooperative per disabili e persone in difficoltà, piccole fraternità, case di riposo per anziani, centri giovanili.

La sinergia tra Caritas e Cpg infatti - informa una nota della Caritas - già ampiamente sperimentata in iniziative quali «L'Ultimo con gli ultimi» ha trovato modo di esprimersi al meglio anche attraverso la possibilità offerta a decine di giovani di poter vivere la loro scelta di servizio alternativa alla leva militare, lavorando a contatto e a favore dei propri coetanei.
Quindi tutti gli obiettori di coscienza sono invitati il 12 gennaio, alle 16, per un incontro che si annuncia come un «amarcord» di esperienze vissute e condivise ma anche come occasione per confrontarsi, a distanza di anni sul valore di quella scelta di servizio e sul come quella scelta ha condizionato le scelte successive di lavoro, studio e familiari.

Alla riunione, oltre al direttore della Caritas don Giuliano Ceschi, parteciperanno anche monsignor Giuseppe Pellegrini, vicario generale della diocesi, don Giovanni Biondaro, già direttore dellaCaritas diocesana e attuale parroco di Garda e don Alberto Giusti, direttore del Cpg. L'incontro si concluderà alle 19 con la messa, cui seguirà una cena conviviale.
Per motivi organizzativi la Caritas chiede di confermare in anticipo la presenza, telefonando allo 045.6767571 o inviando una e-mail all`indirizzo cpg@diocesiverona.it. .


Data ultimo aggiornamento: 06/11/2014



Allegati:

- Rs 2712 Arena
  • Nohatespeech
  • PON Sicurezza
  • PAC
  • POAT GIOVENTU
SERVIZI ONLINE
Twitter FACEBOOK YOUTUBE INSTAGRAM FLICKR
tappo banner Scelgo il Servizio civile
chiusura colonna
Sito ottimizzato per Internet Explorer 9