A Ruvo due ipertesti sulle bellezze della città (26-02-2008) (26/02/2008)

Una iniziativa dei volontari del servizio civile

Condensati due anni di lavoro nella Pro Loco

RUVO. Il lavoro dei volontari del servizio civile che hanno operato nei passati due anni presso la locale Pro Loco è stato condensato nella produzione di due ipertesti dai titoli «Ruvovagando» e «Muséando» a corredo del progetto «Le tradizioni in Puglia» che ha visto impegnati i giovani Valentina Chieco, Carmelo Cipriani e Maria Romano. In collaborazione con il presidente della Pro Loco, Giuseppe Tedone e con l`ausilio del formatore Cleto Bucci, i volontari hanno voluto accompagnare il turista in una visita virtuale alla città che fosse rapida e nel contempo comprensibile ed esauriente.

In particolare, nell`ipertesto «Ruvovagando» si parte da notizie essenziali e cenni storici sulla città per arrivare alla descrizione dei più importanti monumenti, delle masserie, dei boschi offrendo al turista informazioni sulle strutture. sui monumenti oltre ad approfondimenti bibliografici sulle peculiarità storico-artistiche della città. I testi sono stati realizzati, oltre che in italiano, anche in spagnolo ed inglese. Il secondo ipertesto «Museando», invece, conduce il turista alla scoperta del museo archeologico Jatta descrivendo famiglia, palazzo e collezione. Si parte dalla conoscenza delle celebre famiglia ruvese per arrivare ad una dettagliata analisi del palazzo neoclassico e dei reperti archeologici. La principale finalità dei due ipertesti è stata quella della diffusione capillare della conoscenza delle bellezze monumentali di Ruvo non solo tra i turisti ma anche tra gli stessi abitanti al fine di salvaguardare il nostro patrimonio culturale e naturale evidenziandone le possibilità di progresso sociale ed economico. «Intanto - afferma il vicepresidente regionale Unpli e consigliere Pro Loco, Rocco Lauciello - ai giovani che sin dal 2003 hanno svolto il servizio civile presso il nostro sodalizio, ben presto se ne aggiungeranno altri tre (Tania Cantatore, Mariella Bucci e Antonella Serafino) che opereranno per la valorizzazione dell`artigianato e dell`apporto che questo settore ha dato al turismo. A livello locale sarà sviluppata una ricerca sull`arte dell`aerostato dal momento che Ruvo vanta un`antica tradizione nel confezionamento e lancio di mongolfiere anche di enormi dimensioni. Prendendo lo spunto da ricerche gia pubblicate sui numeri de "Il Rubastino" e da interviste agli eredi del cav. Di Rella, maestro in questa arte, sarà prodotto un cd ricco di immagini su questo aspetto folcloristico tipico della Puglia».

Angelo Tendone


Data ultimo aggiornamento: 06/11/2014



Allegati:

- La Gazzetta Del Mezzogiorno 260208
  • Nohatespeech
  • PON Sicurezza
  • PAC
  • POAT GIOVENTU
SERVIZI ONLINE
Twitter FACEBOOK YOUTUBE RSS FLICKR
tappo banner
chiusura colonna
Sito ottimizzato per Internet Explorer 9