Conferenza stampa del 19 ottobre 2017: in Servizio civile universale 3000 giovani titolari di protezione internazionale ed umanitaria

I progetti di servizio civile per il 2018 potranno contare su una quota aggiuntiva di 3.000 posti riservati a giovani titolari di protezione internazionale ed umanitaria, grazie alle risorse messe a disposizione dall’Europa nell’ambito del Fondo asilo migrazione integrazione – Fami destinato alle politiche di integrazione.

Questa l’importante novità annunciata stamattina a Roma in conferenza stampa dai Sottosegretari di Stato del Ministero del lavoro e della politiche sociali Luigi Bobba e Franca Biondelli e dal Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Interno Domenico Manzione.

Il 17 ottobre scorso, a valle di un percorso articolato che ha visto la firma di un protocollo di intesa, la stipula di un accordo di programma e la presentazione di una proposta progettuale al Ministero dell’Interno, il Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato un’integrazione all’Avviso del 3 agosto “Presentazione dei progetti di servizio civile universale 2018” che prevede, appunto, l’opportunità di ampliare il numero di volontari grazie alle risorse aggiuntive del Fami.

La scadenza per la presentazione dei progetti da parte degli enti accreditati è fissata al 30 novembre 2017.

“Un percorso innovativo – ha dichiarato il Sottosegretario Bobba - che si inserisce perfettamente e pienamente nel Piano nazionale d’integrazione dei titolari di protezione internazionale e che rappresenta un altro esempio importante di diversificazione e allargamento delle opportunità”. Dopo aver ricevuto anche una formazione dedicata alla loro specifica realtà di titolari di protezione internazionale, i giovani stranieri opereranno accanto ai ragazzi italiani in progetti per le comunità e per i territori. “L’incontro - ha affermato il Sottosegretario Manzione – sarà il germe migliore dell’integrazione”. La Sottosegretaria Franca Biondelli, infine, ha richiamato l’importanza strategica dell’iniziativa che, oltre ad essere un’opportunità di impegno civico, costituirà un tassello importante nel percorso di inserimento nel mondo del lavoro, attraverso l’acquisizione di competenze e di autonomia. “Una politica di inclusione vera, concreta – ha dichiarato - e un arricchimento per tutti, anche per i nostri giovani”.

» Vai all’integrazione dell’Avviso

Data ultimo aggiornamento: 10/11/2017
  • Nohatespeech
  • PON Sicurezza
  • PAC
  • POAT GIOVENTU
SERVIZI ONLINE
Twitter FACEBOOK YOUTUBE RSS FLICKR
Spot2018
chiusura colonna
Sito ottimizzato per Internet Explorer 9